CRONO STORIA DELL'ASSOCIAZIONE

U.C.A.T.

 

Nell'anno 1995 si svolgevano i mercati settimanali ancora esistenti nei vari comuni di: Lunedì Torregrotta, Martedì S.Agata Militello, Mercoledì Villafranca Tirrena, Giovedì Milazzo, Venerdì Spadafora, Sabato Barcellona e Domenica Falcone.

Il Sindaco di quest'ultimo, nell'anno corrente, emana una circolare per il mercato settimanale, con la quale, si pretende il pagamento per l'anno 1995 di £.100.000 mensili.

Questo fatto √® stato "la goccia che ha fatto traboccare il vaso", nel senso che, non poteva pi√Ļ essere tollerato questo comportamento dei comuni.

Per volontà di taluni operatori tra cui il sottoscritto, ci si è aggregati e si è data vita alla sede di Barcellona P.G. dell'associazione di categoria CIDEC, trasformata successivamente in CONFEUROPE, poi in CONFEUROPE-UCAT ed in ultimo solo UCAT, che tutt'oggi opera nel settore.

Una nostra delegazione previo appuntamento nel comune di falcone, si è riunita con i rappresentanti dell'amministrazione comunale alla presenza dei nostri legali il Tributarista Avv. Fiannacca Giovanni e l'Avv. Benedetto Calpona, i quali in seno alla stessa hanno fatto valere le loro proposte, portando a conoscenza del Sindaco e dell'amministrazione quanto era il giusto importo dovuto e da pagare previsto dalle leggi ancora in vigore.

Tra il 1996 ed il 1997 si è intervenuti presso il comune di Sant'Agata Militello dove l'allora responsabile del mercato recintava l'area mercatale con le catene e gli operatori che non pagavano entro il giorno cinque di ogni mese non li faceva accedere all'area adibita alla vendita e li faceva ritornare a casa. Si è riusciti a superare questo ostacolo, ed in seguito a questo ancora oggi la maggior parte degli operatori non paga.

Si √® intervenuti pure sulle tariffe del suddetto comune, che aveva notificato la richiesta di pagamento di ‚ā¨ 850,00 annue, ma dopo diversi batti e ribatti la somma √® stata scesa ad ‚ā¨ 320, 00 annue per un posteggio di mq.32,00, anche se per la precisione in conformit√† alle leggi vigenti bisognava effettuare ancora un abbattimento e scendere ad ‚ā¨ 160,00 annue.

Dopo questi primi risultati avventurosi, il nostro intervento è stato rivolto al comune di Spadafora, dove, sempre per la motivazione dei pagamenti, il giorno cinque di ogni mese, veniva effettuato un vero e proprio posto di blocco all'entrata e agli operatori che sprovvisti non esibivano la ricevuta del versamento mensile non veniva consentito l'accesso per poter lavorare. "non si pagava perchè l'importo chiesto dal comune era troppo esoso"

Il sottoscritto, avendo avuto dagli operatori rassicurazione che non avevano pagato, forte di tale convinzione, si è recato dal responsabile di allora dell'ufficio commercio per definire la questione dei pagamenti.

Dopo i normali convenevoli dettati dalla buona educazione, il Sig. Dirigente pro tempore si rivolse a me dicendomi: "Lei Sig. Triolo viene qua a fare "casino" per quelle persone, invece la maggior parte di loro hanno pagato", facendomi vedere contemporaneamente tutte le ricevute per controllarle, per me è stato come un fulmine a ciel sereno, ed in quel momento mi sono sentito profondamente tradito dalle stesse persone che io cercavo di difendere.

Dopo questo episodio, per tale delusione sentendomi tradito e imbrogliato, l'attivit√† ha subito un momento di stasi, ma successivamente, per l'insistenza dei propri amici associati pi√Ļ vicini, √® stata ripresa a pieno ritmo.

Si √® intervenuti anche nel comune di Villafranca Tirrena per lo spostamento del mercato, dove il sottoscritto doveva lottare contro l'amministrazione comunale e contro quei franchi tiratori e confidenti che per avere qualche metro in pi√Ļ non esitavano a tradire gli stessi colleghi di categoria, interessandosi esclusivamente della propria situazione.

Nel 1996, sempre per la questione dei pagamenti, si è intervenuti anche al comune di Milazzo, anche per iscritto, ma non si è ricevuto alcun riscontro. "Da allora pochi sono stati quelli che hanno continuato a pagare"

Al comune di S.Stefano di Camastra, dopo vari incontri con il Sindaco e l'Amministrazione comunale, sono stato costretto a far scendere in sciopero la categoria in quanto il Sindaco non voleva fare marcia indietro per ridurre la Tosap del mercato. Dopo lo sciopero, √® stata indetta una riunione, ma quando eravamo quasi prossimi all'abbassamento delle tariffe, si √® presentato un rappresentante dell' Associazione Confesercenti, il quale invece di difendere gli operatori ha preso le parti del comune riuscendo a far rimanere immutato l'importo di ‚ā¨ 400,00 annue, su un sito che allora forse poteva essere adatto per un canile, ma non per lo svolgimento di¬†un mercato. Il paradosso: tanti operatori ancora Hanno fiducia in queste persone.

Intervento per lo spostamento del sito del mercato settimanale del comune di Tortorici (ME).

Anche in questo comune, la nostra associazione è intervenuta in difesa degli operatori facendo uno sciopero finalizzato alla sensibilizzazione del Sig. Sindaco e della sua amministrazione.

In una successiva riunione è intervenuto uno dei componenti dicendo che il mercato non poteva essere spostato sul ponte perché c'era il pericolo di crollo, qualche altro si è addirittura permesso di dire che la situazione era quella è, o si accettava o non si veniva al mercato.

Dopo quest'ultima affermazione è successo il finimondo, sia in senso positivo, sia in senso negativo, ma alla fine la nostra associazione ha ottenuto lo scopo prefissato, per cui è stato ottenuto lo spostamento, per cui tutti si era felici e contenti. Ma in tutto questo contesto nè l'associazione nè il suo presidente ha mai ricevuto niente, nemmeno un grazie, di questo ne sono molto rammaricato, anzi anno illazionato cose poco piacevole nei miei confronti. Si può ( se ci sono degli scettici) verificare domandando a tutti gli operatori che erano presenti.

Si è intervenuti anche nel comune di Caprileone per l'apertura del mercato, dove l'allora Sindaco pro tempore pretendeva per la Tosap la somma di £ 400.000 milalire annue, con il mio intervento, esibendo la documentazione adatta al caso e con un pò di insistenza, si sono convinti, e l'anno scesa a £ 112,000 mila annue.

Sempre per gli scettici: domandate a chi era presente o a Gino quello che vende i profumi. Proprio in questo mercato qualcuno si e permesso pure di infangare il mio nome, dicendo che il mio comportamento non era consono, ma, in difesa di mia figlia, ma guarda caso che mia figlia non aveva fatto neanche la richiesta per il posteggio al mercato. Queste sono illazione infamatorie.

Anche al comune di Patti (ME), l'associazione UCAT ed il suo presidente e coordinatore provinciale Sig. Triolo Antonio, sono intervenuti per affrontare la questione dei pagamenti; dopo varie riunioni con il responsabile e i collaboratori dell'ufficio annona non si è potuto raggiungere un accordo.

Quando un nostro associato sig. Dauccio Salvatore, uno dei pochi che ha avuto la diligenza di conservare tutte le documentazioni, mi ha dato i documenti, sono intervenuto prima per iscritto e poi di persona, ma quando ho capito che avevano scambiato la mia cortesia e gentilezza per debolezza, con la mia associazione siamo passati alle maniere forti e dopo un periodo di tempo si è arrivati ad un accordo sulle tariffe che ancora oggi sono vigenti.

Ma se vi interessa il paradosso, vi dico che, dopo una settimana dall'accordo, passano nel mercato di patti l'Assessore al commercio e un componente dell'associazione Confesercenti, i quali divulgavano la notizia che tutto ciò che si era ottenuto era merito loro e non dell'associazione U.C.A.T. di Barcellona P.G. Ma che vergogna, persone senza principi e senza dignità.

Dopo questo episodio ora per una cosa, ora per un'altra, si sono insediati dei difensori della categoria (loro dicono) io gli o dato un pò di corda e loro si sono presi di coraggio, anche per far provare l'impegno che ci vuole.

A loro dico: se siete invidiosi, superbi, snobbisti, orgogliosi ed arroganti, non potrete mai al mondo arrivare ad una meta ed essere soddisfatti di avere concluso una situazione, perch√© la vostra convinzione il pi√Ļ delle volte √® sconclusionata e perch√© non accettate mai consigli da nessuno; per questo vi dico anche: prima imparate e poi insegnate ( se ne siete capaci ).

Pi√Ļ recentemente, si √® intervenuti anche presso i Comuni di SantAgata Militello e Milazzo per impedire lo spostamento di sito dei relativi mercati settimanali, infatti tutti e due sono stati destinati molto in periferia, addirittura quello di Milazzo √® stato spostato molto fuori centro dove √® impossibile arrivarci a piedi, senza alcuna infrastruttura relativa a parcheggi e altro, dove per arrivarci bisogna parcheggiare pi√Ļ vicino ad oltre settecento metri di distanza, tanto che a causa di ci√≤ √® un mercato ormai morto. (vedere in questo sito ( alla pagina video e foto) dove √® stato ubicato il mercato)

Anche in questa fase ci sono stati i franchi tiratori, i traditori, gli infami, che sono andati in giro dicendo che la mia linea era dettata non so da quali scopi; persone ingrate che avendo qualche conoscenza pensano di essere degli onnipotenti e non si rendono conto, invece, che vengono usati per degli scopi politici, che danneggiano se stessi e gli altri, e che per camminare hanno invece bisogno di essere portati avanti con la mano.

Anche se viene loro indicata la via, il pi√Ļ delle volte deviano altrove, perch√© la loro arroganza e tale che li porta a pensare di non essere secondi a nessuno, cos√¨ che il loro comportamento diabolico risulta dannoso per tutta la categoria.

Altra cosa molto importante da dire, è che, questa associazione si era fatta promotrice di un progetto molto ambizioso studiato e analizzato in tutte le parti, consistente nella possibilità di effettuare un orario continuato, iniziando nel comune di Barcellona P.G., per poi continuare in tutti gli altri comuni del comprensorio, prima in fase sperimentale in occasione delle festività natalizie, poi se tutto andava bene, il progetto prevedeva di allargarlo anche alle feste pasquali ed al periodo estivo ripartito in quattro settimane e cio è: le ultime due di Luglio e le prime due di Agosto, poi, dopo tale periodo essendo commercialmente negativo, ci si tornava al normale orario svolto da sempre.

La categoria, però, non appena si stava cercando di attuare questo progetto, non ci credeva, ognuno aveva da ridire esprimendo opinioni dettate dalla propria convenienza, io, avvalorando la mia convinzione che le opinioni "sono come le tonsille", ognuno a le sue, comunque sono fiducioso, so che siete furbi, ma adesso è arrivato i tempo di lasciare certe idee, è, comportarsi da persone intelligente. Andare contro corrente non e producente alla fine e come lanciare un bumerang, ritornando al punto da dove è stato lanciato.

La cosa che ancora oggi mi lascia soddisfatto e rallegrato, è, che il progetto in se è perfettamente riuscito dal punto di vista dello studio analizzato e della sua messa in opera, se però non è decollato, la colpa non è mia, ma di quasi tutta la categoria che non ha pazienza e non ha creduto in quel progetto, infatti si sentivano in giro delle voci che lasciavano molto perplessi, senza senso e troppo infantili, non hanno capito che era messo in preventivo che se tutto andava bene i risultati si sarebbero visti il terzo anno, invece tanti li volevano vedere immediatamente (ricordate: un figlio dopo averlo concepito viene al mondo dopo nove mesi).

Tutte quelle persone che venivano al mercato di pomeriggio, era tutta gente che si toglieva alla grande distribuzione; scusate se √® poco. √ą Riflettete.

Le attivit√† fin qui esposte, si riferiscono esclusivamente alle azioni pi√Ļ eclatanti ed importanti, ma bisogna anche considerare tutte le altre iniziative che giornalmente sono state, sono e verranno portate a termine.

Si vuole far capire a tutti ed in particolare agli invidiosi ed ai sapientoni tutto fare che per mettersi al servizio ed in difesa della categoria, si devono tenere presente dei principi ben precisi, e cioè:

  • I. Possedere una cultura all'altruismo e non all'egoismo;
  • II. Essere esperti in materia a 360¬į ;
  • III. Riuscire ad avere un certo "feeling" con tutti i comuni;
  • IV. Vestirsi di onest√†, sincerit√†, umilt√† ed combattivit√†.

E' risaputo che quando su una nave non c'√® un solo Capitano ma pi√Ļ di uno, prima o poi ci sar√† un ammutinamento di taluni in malafede che sar√† a discapito di tutti gli altri in buona fede, che tale malafede tanti non arrivano ad intuire.

Pertanto Vi dico: come su ogni nave deve esserci un solo Capitano, in tutte le altre attivit√† ci vuole un solo leader trascinatore che porti il pi√Ļ bene possibile e che limiti al minimo i danni nella mansione che svolge per la collettivit√†.

Vi ripeto, prima si impara per se e poi si insegna agli altri, avendo sempre bene presente il famoso motto: "tutti per uno e uno per tutti". se si vuole ragiungere un meta.

Devo dirvi un'altra cosetta, con quale riscontro, andate dicendo in giro che questa associazione beneficia sia dalla Regione, e/o dalla Provincia annualmente circa ‚ā¨ 20.000,00 o 30,000,00,per le mansione svolte?¬†Sono illazione da gente invidiosa,che fate solamente sconcertare.

La critica, √® accettata da noi con umilt√†, quando √® costruttiva, invece il pi√Ļ delle volte √® una critica distruttiva¬†√® fatta ad personam, pertanto viene respinta.

Nonostante tutto, comunque la nostra associazione è sempre viva e pienamente attiva, così come documentato da tutto quanto sin qui detto, dai video che possono essere visionati i riscontri, in questo sito alla pagina a loro dedicata. Video, foto.

¬†Per quanto su esposto sopra, in questa memorandum - crono storia,voglio farvi presente che il sottoscritto √® una persona rispettosa, educata, onesta, sincera, dignitosa e credente ancora nei valori umani, ma, non sono una persona "come qualcuno pensa" fessa o che si pensi di prendere in giro facilmente. A volte si fa buon viso a cattiva sorte, per non urtare la suscettibilit√† della persona, interlocutrice che in pi√Ļ delle volte non arriva ad assimilare il concerto del discorso, ho cercando di portare l'acqua verso il¬†suo mulino.

Uno senza gli altri e nessuno,sapendo benissimo cosa vuol dire questo proverbio, come si fa dire di me che sono una persona superba, è solo e soltanto una offesa prima alla mia intelligenza e anche all'intelligenza umana.

N.B. per i comuni di sant'agata di militello e Milazzo, con gli avv.ti Andrea lo Castro e Benedetto Calpona, sono stati fatti n. 3 ricorsi al T.A.R. di Catania, 2 atti extragiudiziari e un ricorso al C.D.A. di Palermo. Il tutto e doverosamente alla visione di tutti nella sede appropriata.

Con affetto e sincerità

Antonio Triolo

 

 

La categoria degli operatori su A.P. è un insieme di:

  • 1) Arroganti

(perchè non sono mai sicuri di se e vogliono sempre dimostrare agli altri quello che non sono).

 

  • 2) Coraggiosi

(con tre coraggi, ma, solo per parlare, burlare e nascondersi dietro i ma, i perchè, i forse, i sentito dire; senza verificare mai di persona la realtà).

 

  • 3) Di bassa cultura

(quel poco che hanno, basata sulla malafede e interessandosi sempre dei fatti altrui, mai dei propri).

 

  • 4) Invidiosi, ingrati.

(ma, non facendo niente per migliorare anche se stessi, parlando e sparlando di tutti, e a volte infamando anche la dignità dell'invidiato).

 

  • 5) Opportunisti

(credendo d'essere sempre i pi√Ļ furbi, pagando a volte di tasca loro, col tempo, non s'accorgono d'essere emarginati).

 

  • 6) Permalosi

(come ragazzini viziati, la vogliono sempre vinta loro non ammettendo i loro sbagli, anche a costo di farsi male loro stessi).

 

  • 7) Prepotenti e imbecilli,

non sapendo distinguere le persone che vogliono il loro bene, da quelli in malafede.

 

  • 8) Sapientoni

(sapendo tutto e di niente, convinti di non sentirsi secondi a nessuno, credendo sempre ai sentito dire, senza mai andare a riscontrare).

 

  • 9) Scettici

(non tutti,..... ma, influenzati dal dubbio).

 

  • 10) Suscettibili

 (sinonimo d'ignoranza, bassa cultura e senza esperienza di vita vissuta)

N.B. Quanto classificato sopra non prendetela come: Un insulto, un'offesa,una mancanza di rispetto, il mio pensiero invece, è quello di potarvi alla ragione e alla riflessione, perché l'attività che svolgete e la vostra fonte di vita (campari) che tanti sindaci irresponsabile vogliono togliervi, non me ne vogliate, uniti potremo scacciare questi mostri che ci minacciano.

Non tutta la categoria sopra evidenziata è uguale, ci sono molte persone intelligenti, oneste, sincere, grate e rispettose. Nel rispetto di tutti, sono sempre disponibile.

Barcellona P. G. li 01 settembre 2007 IL PRESIDENTE PROVINCIALE U.C.A.T.

TRIOLO ANTONIO

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 22 Luglio 2009 18:02 )